societa’ cooperativa di vittorio
Sostenibilità, Società, Territorio
 
per informazioni
0363 - 47.866
 
         
  MISSION - Gli obiettivi internazionali      
 

IL SAPERE:

Gli obbiettivi prefissati dalla Convenzione di Lisbona entro il 2010 sono ormai alla portata della nostra cooperativa, è chiaro che sempre più la casa sarà un contenitore di funzioni ed usi diversi, non una cellula isolata, ma un’ unità in costante connessione con la città e con il mondo. Il tempo di vita dedicato al lavoro sarà sempre più ridotto e l’attività sarà esercitata almeno in parte all’interno della abitazione.
La cooperativa opterà per la realizzazione di alloggi flessibili e adattabili all’intero ciclo di vita dell’abitante. Per far ciò dovrà riconoscere i bisogni e le aspirazioni del proprio alveare realizzando indagini nei Comuni dove sorgeranno i nuovi edifici.
La valorizzazione delle fasce più deboli sarà perseguita attraverso interventi di housing sociale dove la tipologia sarà caratterizzata da un mix di spazi privati e spazi comuni che saranno progettati per favorire la condivisione, lo scambio di servizi tra i soci.

     
 

L'INNOVAZIONE:

Non è solo nella applicazione alla casa delle possibilità tecnologiche più avanzate, ma è innovazione nella azione e nei progetti della cooperativa: ragionare ad esempio sulla densità, che oltre sul risparmio di suolo permette di centralizzare impianti e fornire servizi.
La cooperativa partecipa a programmi di ricerca applicata e di sperimentazione diretti al miglioramento della qualità abitativa ed al contenimento dei costi di costruzione e gestione degli edifici residenziali, anche attraverso l’impiego di energie alternative e promuoverà azioni educative rivolte ai soci e alla città in ordine all’utilizzo efficiente della abitazione.

   
     
 

L'EQUITA':

La cooperativa si sente parte del sistema produttivo del paese ed è consapevole che solo la crescita economica può produrre una redistribuzione equa, che è tra le condizioni per la realizzazione di una società più aperta e accogliente. La cooperativa come organizzazione intermedia può contribuire alla crescita economica in quanto riesce a farsi interprete di interessi collettivi: farsi carico di interessi collettivi non solo è una scelta razionale, ma la realizzazione di una scelta etica.
La cooperativa pertanto può dare concretezza al suo scopo mutualistico di consentire ai soci l’accesso alla casa a costi contenuti e diversificare il modello di conduzione optando per la conduzione in locazione, in uso, a condizione di saper migliorare la propria capacità produttiva e la propria solidità economica, - di collaborare con la Pubblica Amministrazione per la realizzazione di programmi di alloggi in affitto a canone moderato.
La “selezione” dei soci attraverso un progetto adhocratico sarà effettuata riconoscendo i loro sistemi di preferenza in una logica di inclusione e di valorizzazione delle differenze.

 
  Torna su