societa’ cooperativa di vittorio
Sostenibilità, Società, Territorio
 
per informazioni
0363 - 47.866
 
         
  GLI ANNI '80      
 
 

La seconda metà degli anni 80 vede la cooperativa in forte consolidamento:
- cresce la capacità operatività
- aumenta il numero dei soci
- si amplia l’ambito territoriale di intervento.
La cooperativa non ha nessuna necessità di promuovere la sua attività edilizia, in termini di comunicazione e informazione, perché la rete politica e sociale in cui è inserita provvede a trovare nuovi soci per le nuove edificazioni che avvengono fuori dall’ambito territoriale di riferimento, in tutto il bacino della pianura bergamasca.
La domanda è in continua crescita il rapporto con i nuovi soci è improntato alla partecipazione ed al confronto democratico: le scelte progettuali sono condivise; tra soci e cooperativa il flusso di informazioni è costante.

 
 

Il prodotto è economicamente competitivo, la qualità è buona, il profilo architettonico e la tipologia sono di tipo tradizionale.
Il clima generale è di fiducia: la cooperativa attraversa una fase creativa e di sviluppo sulla scorta dei successi realizzati e lo spirito della gonvernace contribuisca alla nascita di altre cooperative.
Sotto il profilo operativo la cooperativa sta attraversando un momento di intenso sviluppo e la sua attività di realizzazione si estende sotto il profilo territoriale, il rapporto con i soci è ancora stretto, ma è soprattutto mediato dal sistema di rapporti politici e sociali che si riverberano anche sulla azione della cooperativa. A causa di ciò la cooperativa non ha interesse ad esercitare un ruolo attivo di proselitismo nella ricerca dei soci. Ciò introduce un elemento di criticità che in questa fase non è ancora evidente.

   
     
  Torna su | segue: anni 90